Pin It

mariangela, la mia "carpet bag"!








































borsa con cerniera di metallo a scatto, in robusta tappezzeria di raso blu con tulipani rossi e grigi. 
l'ho disegnata e realizzata ispirandomi alla carpet bag, la tipica borsa da viaggio fatta di moquette e tappezzeria, molto in voga sia in Europa che negli Stati Uniti durante il 19^ secolo.

di questa particolare borsa mi affascina tutto, la forma, il materiale e le storie dei personaggi che evoca.

ad esempio zia Letty che dice alla piccola Nell di 8 anni:
"Ogni ragazza siede sulla sua fortuna, e non lo sa" 
zia Letty "Arrivò con un baule foderato di pelle di bufalo col coperchio imbottito da cui era uscito via tutto il
crine. Aveva anche altri due bagagli che noi chiamavamo valigie di tappeto, fatte con dei pezzi di tappeto belga."
La piccola di 8 anni è Nell Kimball, che con gli anni diventerà prima, prostituta a Saint Louis, poi tenutaria di bordelli di lusso a Storyville quartiere a luci rosse di New Orleans.
Racconterà la sua vita in un manoscritto, pubblicato postumo "Memorie di una maîtresse americana".






































Jill McBain-Claudia Cardinale durante il suo arrivo alla stazione di Flagstone (luogo immaginario del west).
Nella memorabile scena di "C'era una volta il West"-Sergio Leone,1968-  arriva nel selvaggio West da New Orleans per sposare  Brett McBain un vedovo irlandese con tre figli, cammina sola perché  non ha trovato nessuno ad attenderla, ci sono solo dei facchini che trasportano i suoi bauli, mentre lei regge una borsa capiente dalla tipica foggia.
Non sa ancora che in quel preciso momento è già vedova-le nozze erano già avvenute in segreto- e che "Sweet Water" il ranch che eredita la renderà una pioniera del progresso e della civilizzazione americana.




Sorvolo volutamente sulla tata più popolare e sdolcinata del cinema. 
Il fascino di questa borsa è dato dal tema del viaggio, dello spostamento, del cambiamento e del bellissimo dramma della storia miserabile dell' umanità.

Inoltre adoro i film western di Sergio Leone, il 19^ secolo e sono stranamente attratta dal processo di formazione degli Stati Uniti, un paese che a pelle non mi fa molta simpatia, anche se non l'ho mai visitato (uno scalo anche se di 8 ore all'aeroporto di Miami non è una visita è una tortura!). 
Dentro la mia carpet bag c'è un po' di tutto questo.

















Nessun commento:

Posta un commento